Scuola e Web – La Segreteria on-line

A cura del Rag. Pino Durante (Assistente Amministrativo) – Portale di informazione Normativa sul mondo della Scuola e sull'amministrazione delle Istituzioni Scolastiche

Orizzontescuola.it – 25/10/2016 – Legge 104- 3 giorni di permesso per assistenza al familiare disabile, guida gratuita

orizzonte    – 25/10/2016 – Legge 104- 3 giorni di permesso per assistenza al familiare disabile, guida gratuita (di redazione)

Tutti gli altri contenuti di www.orizzontescuola.it

A cura di Paolo Pizzo una raccolta di tutte le norme che riguardano una materia molto complessa e che crea sempre delle incomprensioni nella sua applicazione all’interno della scuola.

Il diritto ai permessi è per il tutto il personale della scuola senza distinzione di profilo (docenti/ATA) e di contratto (incarico annuale/supplenza breve/tempo indeterminato).

Per il personale docente in anno di prova però (neo assunto in ruolo o che ha ottenuto il passaggio di ruolo), qualora fruiti, i 3 giorni non sono utili ai fini del computo dei 180 giorni utili al superamento dell’anno di prova e dei 120 gg. di attività didattica.

I permessi retribuiti per handicap sono attribuiti al lavoratore che assiste un familiare a condizione che l’handicap di quest’ultimo abbia la connotazione di gravità, come precisato al comma 3 dell’art. 3 della L.104/92.

I soggetti legittimati ad assistere il familiare sono i parenti o affini entro il secondo grado. Vi sono però delle deroghe per i parenti e agli affini entro il terzo grado.

Una volta autorizzata la fruizione del permesso, nessun altro lavoratore può farne richiesta e ottenerne la concessione, finché il primo lavoratore non ne abbia cessato la fruizione e fornito le dovute comunicazioni.

Il dipendente interessato ha l’onere di presentare apposita istanza per la fruizione delle agevolazioni previste dalla legge e di dimostrare la sussistenza dei presupposti di legittimazione attraverso la produzione di idonea documentazione.

Il Dirigente scolastico si deve limitare ad un controllo sulla correttezza formale della domanda, non avendo alcuna discrezionalità, ma dovendosi limitare soltanto alla mera verifica della sussistenza dei requisiti.

Si ritiene possibile, da parte del datore di lavoro, richiedere una programmazione dei permessi.

ARTICOLI CORRELATI A QUESTO ARGOMENTO:

Comments are closed.

  • Copyright © 2010-2016 - Pinodurantescuola.com - Tutti i diritti riservati / All rights reserved