Scuola e Web – La Segreteria on-line

A cura del Rag. Pino Durante (Assistente Amministrativo) – Portale di informazione Normativa sul mondo della Scuola e sull'amministrazione delle Istituzioni Scolastiche

Sinergie di Scuola – 05/12/2015 – Se l’alunno cade a causa del dispetto di un compagno

sinergie_di_scuola      Sinergie di Scuola – 05/12/2015 – Se l’alunno cade a causa del dispetto di un compagno

Con sentenza n. 23202 del 13/11/2015, la Corte di Cassazione si è trovata a dover decidere in merito alla richiesta di risarcimento danni proposta dai genitori di un alunno di una scuola media che si era infortunato a causa del “dispetto” di una compagna.

In particolare, secondo la ricostruzione dei fatti, l’alunno in questione, impegnato insieme ad altri compagni a pitturare le pareti dell’aula, era caduto a terra, battendo violentemente il coccige, perché, mentre stava per sedersi, una sua compagna gli aveva sottratto la sedia. La caduta aveva provocato un ematoma spinale all’infortunato, con invalidità temporanea assoluta e parziale e postumi permanenti dei quali i genitori hanno richiesto appunto il risarcimento.

La Cassazione, nel ribaltare i due precedenti gradi di giudizio, ha stabilito che nel caso in questione l’alunno ha diritto al risarcimento da parte della scuola, e quindi del Miur, perché il ragazzo era caduto sotto la vigilanza di un collaboratore scolastico, in assenza della maestra.

In tema di responsabilità civile dei maestri e dei precettori, per superare la presunzione di responsabilità che ex art. 2048 cod. civ. grava sull’insegnante, è necessario dimostrare che sono state adottate, in via preventiva, tutte le misure disciplinari o organizzative idonee ad evitare il sorgere di una situazione di pericolo favorevole al determinarsi della serie causale causativa dell’evento e che, nonostante l’adempimento di tale dovere, il fatto dannoso, per la sua repentinità e imprevedibilità ha impedito un tempestivo ed efficace intervento.

Secondo la Suprema Corte, nel caso in esame non solo erano mancate le misure organizzative più elementari per mantenere la disciplina, e per questo non poteva essere invocata l’imprevedibilità dell’azione dannosa, ma inoltre la scuola non era stata in grado di dimostrare che, a causa della natura repentina e imprevedibile del fatto, non era stato possibile intervenire tempestivamente ed efficacemente.

Per tali ragioni, la Cassazione ha dato ragione ai genitori del minore, condannando il Miur al risarcimento del danno.

ARTICOLI CORRELATI A QUESTO ARGOMENTO:

Comments are closed.

  • Copyright © 2010-2017 - Pinodurantescuola.com - Tutti i diritti riservati / All rights reserved