Scuola e Web – La Segreteria on-line

A cura del Rag. Pino Durante (Assistente Amministrativo) – Portale di informazione Normativa sul mondo della Scuola e sull'amministrazione delle Istituzioni Scolastiche

Sinergie di Scuola – 19/05/2015 – Multato l’insegnante in malattia che si allontana dal domicilio senza comunicarlo

sinergie_di_scuola      Sinergie di Scuola – 19/05/2015 – Multato l’insegnante in malattia che si allontana dal domicilio senza comunicarlo

È nulla la sanzione comminata dal Dirigente scolastico al docente che non aveva comunicato alla scuola l’allontanamento dal proprio domicilio durante l’assenza per malattia.

La decisione è contenuta nella sentenza n. 468/2015 con cui il Tribunale ordinario di Firenze ha dato ragione all’insegnante che fu trovato assente alla vista fiscale perché, non avendo più farmaci antidepressivi a sua disposizione necessari per superare lo stato morboso e non potendo ottenere la relativa prescrizione dal suo medico (era venerdì sera e lo stesso sarebbe stato reperibile solo il martedì), aveva contattato altro medico il quale lo aveva ricevuto nel suo ambulatorio. Il ricorrente si era quindi recato allo studio medico nelle fasce al di fuori della reperibilità, rientrando nella sua abitazione proprio quando il medico competente per la visita fiscale aveva da poco già attestato la sua assenza. Quest’ultimo medico, non potendo annullare l’attestazione, lo aveva invitato a presentarsi all’Asl il mattino seguente, cosa che il ricorrente aveva fatto (ricevendo, in tale occasione, prescrizione di ulteriori tre giorni di riposo).

Il Dirigente scolastico però gli aveva contestato la violazione dell’art 17, comma 16, del CCNL Scuola per non avere avvertito di essersi allontanato dal suo domicilio e gli aveva per tale ragione irrogato la massima sanzione tra quelle di sua competenza (multa per quattro ore di retribuzione), senza peraltro tener conto del principio di gradualità delle sanzioni (non considerando pertanto il suo stato di salute, l’assenza di precedenti disciplinari, le giustificazioni dedotte dal docente).

Ad avviso del Tribunale però la sanzione applicata è apparsa sproporzionata.

Dalla descrizione dei fatti è infatti emerso che il ricorrente si era allontanato dal proprio domicilio prima dell’inizio dell’orario relativo alla fascia di reperibilità, confidando nel fatto che sarebbe rientrato per tempo; che il rientro presso il proprio domicilio si verificò nella fase iniziale della reperibilità, tanto che era ancora nei pressi il medico che doveva attestare la sua presenza presso l’abitazione.

Pertanto, la supposta violazione di cui all’art 17, comma 16, CCNL citato deve essere valutata, tenendo conto di alcune circostanze, ovvero sia che il ricorrente non avvertì l’Amministrazione perché si allontanò prima della reperibilità e, solo per poco, non rientrò presso la sua abitazione in tempo per sottoporsi alla visita fiscale; che, anche sotto il profilo intenzionale, non vi fu una volontà di andare contro alla disciplina di cui alla normativa in materia di malattia. Pertanto, la violazione dell’assenza a visita fiscale (comunque effettiva) poteva essere censurata con una sanzione più lieve.

Per tali ragioni, il Tribunale ha deciso l’annullamento della sanzione e ha condannato il Miur al rimborso dell’importo corrispondente a quattro ore di retribuzione, oltre che alle spese di lite.

ARTICOLI CORRELATI A QUESTO ARGOMENTO:

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

  • Copyright © 2010-2017 - Pinodurantescuola.com - Tutti i diritti riservati / All rights reserved